La sposa bambina


La sposa bambina ha l’andamento del grande romanzo epico, attraversato dai colpi della storia e del destino. Un ritratto dettagliato della storia indiana, della cultura, della politica, del paesaggio attraverso la lente di una famiglia. Un libro ricco, sensuale, coinvolgente e appassionante.

E´ un debutto superbo, quello di Padma Viswanathan, , che segna la nascita di una grande scrittrice. La sposa bambina , pubblicato in Italia da Garzanti libri, si svolge sullo sfondo dei sessant’anni più importanti e determinanti di tutta la storia dell’India, raccontando una storia di tradizione e di ribellione, di speranza e di forza, di amore e sofferenza, conducendo il lettore all’interno dei costumi di una famiglia brahmanica, ma anche evocando le tensioni universali comuni a tutte le differenze generazionali.

Il romanzo racconta la storia di Saivakami, sposa bambina, che alla morte del giovane marito, diviene vedova della casta bramina di cui deve seguire le regole tra cui non poter toccare neanche i propri figli dall´alba al tramonto. In bilico tra i conflitti inconciliabili della tradizione e la modernità che incalza giorno dopo giorno. E´ la storia di tre generazioni di donne all´interno di una famiglia bramina: le magie e i miracoli si intrecciano alla vita quotidiano, le “mani sante” di Sivakami, maestra nell´arte magica di far nascere i bambini, diventa richiestissima in famiglia tra figlie e nipoti e in tutto il circondario. Thangam, la figlia che perde “polvere d´oro” dalla pelle, attira folle di ammiratori alla ricerca della sua polvere miracolosa. Parti, nascite, educazione dei figli, matrimoni e funerali sono scanditi dai quotidiani rituali della religione indù con una ricostruzione ricchissima e minuziosa di come sistemi e credenze possono essere vissuti e raccontati dai protagonisti. Uno struggente spaccato di microstoria che apre squarci al di fuori di ogni facile retorica sulla dignità e il significato profondo dei comportamenti e delle credenze di un popolo.

Se l´autrice ci attira nel vortice della lettura allettandoci con fantasie di facili drammi e infelicità, ne veniamo presto piacevolmente delusi. Non c´è spazio infatti per le interpretazioni moralistiche e semplici, ci troviamo di fronte alla grandezza di una cultura che riesce, grazie alla bravura dell´autrice, a parlare le semplici parole di una donna devota, inserita nel proprio contesto culturale che lo racconta e lo spiega a partire dalla sua esperienza e dal suo vissuto. Anche i più grandi drammi sono compresi nel tessuto delle vite e dei destini, le generazioni si susseguono tramandandosi doni meravigliosi risorse e maledizioni. L´autrice, nata in Canada, per scrivere il suo romanzo d´esordio si è fatta raccontare la storia della sua famiglia dalla nonna, originaria dell´ India del sud.



Se hai una storia da raccontare o dei consigli
scrivici a info@mondo-doula.it