Lo spazio bianco




In questi giorni nelle sale, lo spazio bianco è un film da non perdere per tutte le doule. Maria aspetta una bambina, non è incinta più ma aspetta lo stesso. Aspetta che sua figlia nasca, o muoia. E se c´è una cosa che Maria non sa fare è aspettare. E´ per questo che i tre mesi che deve affrontare, sola, nell´attesa che sua figlia Irene esca dall´incubatrice, la colgono impreparata. Abituata a fare affidamento esclusivamente sulle proprie forze e a decidere con piena autonomia della propria vita, Maria si costringe ad un´apnea passiva che esclude il mondo intero, si imprigiona nello spazio bianco dell´attesa. Ma questo sforzo di isolamento doloroso consuma anche l´ultimo filo di energia a disposizione: la bolla di solitudine in cui Maria si è rinchiusa è messa a dura prova e alla fine esplode. E´ necessario che Maria salvi se stessa per riuscire a salvare la bambina. Non c´è che una soluzione: consentire al mondo di irrompere nella propria esistenza e concedersi il privilegio di ritornare a vivere. E così inventarsi la forza per accompagnare Irene alla nascita.
Un film attento che intreccia storia individuale e psicologia della prematurità, una lezione importante per tutte quelle donne che abituate per tutta la vita a “farcela da sole” trovano nella maternità uno scoglio sul quale finalmente fare naufragio. Una Margherita Buy che interpreta il ruolo della protagonista, sempre più brava. Una storia che finalmente parla di una donna forte, finalmente una donna vera, che sbaglia, è confusa, si chiude, e poi trova la forza di rinascere. La città di Napoli con i suoi personaggi, le sue mille situazioni offre un coro e un contrappunto di eccezionale vitalità.

 




Se hai una storia da raccontare o dei consigli
scrivici a info@mondo-doula.it