La decima luna: il tempo del piacere







Risale alla famosa teoria della relatività di Einstein l’idea che il tempo non resti invariato, ma sia da pensare in  relazione con la velocità. Un assunto che è diventato ormai un luogo comune nelle scienze umanistiche, da Proust a Bandler, la percezione del tempo cambia a seconda dell’esperienza del soggetto.

Ed in particolare cambia in relazione al piacere.

Le cose che ci piacciono finiscono sempre troppo presto !

Ma una madeleine può non finire mai…

Quando siamo impegnati in un film che ci appassiona, ci sembra che finisca in un attimo. Aspettare in fila uno spettacolo che vogliamo vedere a tutti i costi, l’attesa ci sembra infinita, un minuto sembra un’ora.
Possiamo andare in autostrada a cento km all’ora, ed il tempo non passa mai. Quando modifichiamo la velocità, ad esempio per uscire dall’autostrada, tutto sembra muoversi a rallentatore, il tempo si dilata.

Nell’ultimo mese di gravidanza il tempo sembra fermarsi. Siamo arrivate in orario ed ora stiamo facendo la fila per il nostro debutto in palcoscenico, proviamo e riproviamo la parte, ma abbiamo paura, da dietro le tende si sentono delle urla…e questo non è affatto invitante. Ci sentiamo come il giorno prima dell’esame, abbiamo solo voglia di nasconderci da qualche parte o di stordirci nel fare mille preparativi più o meno inutili. E se ci fanno delle domande a sorpresa ? In fondo in fondo lo sappiamo, non sarà paragonabile a niente di quello che abbiamo vissuto. Non sono pronta ! Vorresti urlare, non ancora ! Oppure, via che si sbrighino, entriamo e facciamola finita.

E se da dietro le tende, arrivassero gorgheggi, sospiri estasiati, e sbirciando si potessero vedere nudità voluttuose, bocche spalancate tumide e ansimanti, ancheggiamenti sensuali, faccie illuminate, urla estatiche.
Si, come dice Ina May Gaskin, il parto orgasmico è il “segreto meglio custodito” !
Se partorissimo tutti i giorni, la nostra capacità orgasmica sarebbe incontenibile !
Come diceva un’amica di mia madre, “è sempre da lì che deve passare” , diceva anche “quando è passata la testa, è stato come se fosse passato un pene gigantesco…”. Lo diceva proprio con quell’espressione lì, aveva ancora l’acquolina in bocca ! Nella vita era una serissima professoressa di liceo, mica una pornostar.
Mia nonna giocava a carte quando doveva partorire, invitava le sue amiche e si faceva una bella partita a canasta. Giocare a carte per lei era una vera droga, avrebbe giocato anche tutti i giorni, mi ricordo i giovedì sera tirava fuori il servizio buono, le tovaglie ricamate, il sospirato tappeto verde, e non c’era più per nessuno. Diventava concentratissima, appassionata, brillante, persino divertente. Ero davvero sbigottita da questa trasformazione.
Prima dell’epidurale, le donne sapevano benissimo come partorire.
Sapevano che partorire può essere “appassionante”, e quando partorivano cercavano di appassionarsi il più possibile.
Quando mia nonna aveva vinto un sufficiente numero di partite, capiva che era il momento di partorire.
C’è a chi piace cantare, a chi piace fare passeggiate respirando l’aria della notte, ci sono donne a cui piace ballare, o essere abbracciate, o ascoltare rock and roll. Ciascuna di noi sa cosa la appassiona. Lo sa perfettamente e chiaramente.
Ma non ci crediamo, siamo piene di remore e di censure, e di “ quello che va bene” e quello che “si deve fare”, “quello che è più sicuro e più giusto”.
Solo che tutto questo ci estrania da noi stesse, da chi siamo e da cosa vogliamo.
Dalle nostre reali potenzialità.
Cominciamo a praticare intensamente il piacere l’ultimo mese ! Quello che ci appassiona, semplicemente, senza stupidi programmi di esercizi che ci vengono a noia solo a pensarli.
L’unico esercizio che dovrebbe seriamente essere praticato in gravidanza è quello del piacere !
Pensiamo a quello che nella nostra vita è realmente in grado di rallentare il tempo e prolungare all’infinito il nostro piacere. Per alcune, ma non per tutte, potrebbe anche essere nostro marito !
A mia nonna piacevano le carte
Berta filava…
E voi ?
 
 
 
 





Se hai una storia da raccontare o dei consigli
scrivici a info@mondo-doula.it

Carissimi/e soci/e e visitatori/visitatrici, dal 22 aprile 2017, l'Associazione di Promozione Sociale Eco Mondo Doula si e' trasformata in Associazione Professionale Mondo Doula, ai sensi della legge 4/2013, cambiando anche la sede legale.

I necessari cambiamenti al sito ed alla documentazione sono in corso e richiederanno un po' di tempo... ci scusiamo per eventuali disagi e/o difformita'.